Torna di moda la stretta di mano

    DIFFICILE
    Handschlag
    Von Renata Beltrami

    Non se ne poteva proprio più di baci e abbracci tra sconosciuti, inutili lo schioccohier: Küsschenschiocchi di labbra nell’aria e “guancia a guancia” appena sfiorareleicht berührensfiorati, lo scontro di pugniFaustcheckscontri di pugni mimarenachahmenmimati alla Barack Obama (fist bump) alternati a “dammi un cinque”, seguiti da strette vigorosokräftigvigorose e prolungate, come se avessimo vinto la finale di Champions. Ci voleva lo scandalo Weinstein per ritornare alle sanohier: gutsane vecchie abitudini, quelle che limitano il rischio e ci fanno sentire al sicuro, come una bella la stretta di manoHändedruckstretta di mano. Una mano tesoausgestreckttesa, amichevole ma formale, è garanzia di buone intenzioni e non fa correre il rischioGefahr laufencorrere il rischio di finire come il senatore californiano Robert Hertzberg, essere indagatounter Ermittlung stehenindagato per eccesso di abbracci.

    L’abbraccio sociale all’europea non godere di buona famaguten Ruf habengode più godere di buona famaguten Ruf habendi buona fama su giornali, siti e TV, tuonarewetterntuona il Corriere della Sera, offrendo subito suggerimenti e regole per eseguireausführeneseguire una stretta di mano corretta: bisogna sapere chi tende la mano per primo, con quanta forza e quanto a lungo stringere quella altrui per non trovarsi in situazioni imbarazzanti. Una mano sudaticcioverschwitztsudaticcia e molleschlaff, kraftlosmolle può essere molestolästigmolesta quanto una guancia umida o irsutostachelig, stoppeligirsuta.

    Una mano tesa, amichevole ma formale, è garanzia di buone intenzioni

    Sociologi e psicologi aggiungono che in tempi nei quali i rapporti virtuali hanno quasi lo stesso valore di quelli reali, lo spazio fisico attorno a noi richiedereverlangenrichiede maggiore attenzione e siamo più sensibili verso le l’invasione (f.) di campohier: Grenze überschreiteninvasioni di campo. Ecco perché il il galateoAnstandsregelngalateo prevede che il braccio sia obliquoschrägobliquo, con il il gomitoEllbogengomito vicino al il bustoOberkörperbusto e non teso in avanti, come una la spadaSchwertspada. Ed è consigliabile un il passaggiohier: kurzer Griffpassaggio dalla tasca, dove ci deve essere sempre un il fazzolettoTaschentuchfazzoletto pulito, per asciugare il il palmoHandflächepalmo se vi sudano le mani. La mano moscioschlaff, kraftlosmoscia non va bene, ma non si deve neppure stritolarezerquetschenstritolare quella dell’interlocutore ed è assolutamente vietato aggiungere la mano sinistra per raddoppiare la stretta. Se poi ci sono di mezzo gli anelli, l’attenzione deve essere doppia, per non trasformare un gesto di saluto in un’esperienza dolorosa. La mano altrui non dovrebbe essere tenere in ostaggiohier: festhaltentenuta in ostaggio per più di due secondi e il saluto deve avvenire rigorosamenteausschließlichrigorosamente in piedi: se si è seduti ci si alza. Le istruzioni più difficili da rispettare riguardano l’ordine di partenza: porge per prima la mano la persona più importante, la più anziana o la donna, e non sempre la la valutazioneRegel, Maßstabvalutazione è la stessa ovunque.

    Se è vero che una stretta di mano dice più di tante parole, è altrettanto innegabileunbestreitbarinnegabile che una mano tesa non raccogliereergreifenraccolta è una la dichiarazione di guerraKriegserklärungdichiarazione di guerra, ma almeno non ci sono il fraintendimentoMissverständnisfraintendimenti. Già dai tempi degli antichi Egizi i patti venivano suggellarebesiegelnsuggellati con una stretta di mano. In tempi più recenti abbiamo visto baci tra uomini politici (non seguiti da denunce) e abbracci tra persone famose (seguiti da la causa in tribunaleGerichtsverhandlungcause in tribunale per la molestiaBelästigungmolestie). Bentornata, allora, la classica e sana stretta di mano! Se poi essere in vena di qc.in der Stimmung für etwas seinsiamo in vena di la smanceriaGetue, Gedönssmancerie, ci sono sempre cuoricini, baci e abbracci su WhatsApp

    Neugierig auf mehr?

    Dieser Beitrag stammt aus der Zeitschrift Adesso 6/2018. Die gesamte Ausgabe können Sie in unserem Shop kaufen. Natürlich gibt es die Zeitschrift auch bequem und günstig im Abo.

    Werbung
    <
    >