Perché in Italia il numero 17 porta sfortuna?

    Siebzehn
    Von Salvatore Viola

    Anch’io, come il 90% degli italiani, soffro di eptacaidecafobia, ovvero di “paura del numero diciass…” Non riuscirein der Lage seinriesco nemmeno a scriverlo! Le teorie e le leggende intorno al numero in questionebetreffendin questione e alla sua la famaRuffama di il portasfortunaUnheilsbringerportasfortuna sono molte e hanno una cosa in comune: nessuna è supportarestützensupportata da l’evidenzaBelegevidenze scientificowissenschaftlichscientifiche. Eccone due fra le più accreditatoglaubwürdigaccreditate. Tutto si svolge fra l’antica Greciaantikes Griechenlandantica Grecia e l’antica RomaAltes Romantica Roma. Secondo alcuni, PitagoraPythagorasPitagora e i suoi il seguaceAnhängerseguaci avevano in l’odioHassodio il diciass… perché separarevoneinander trennenseparava due numeri come il 16 e il 18, gli unici che formano la figura pianaebene Figurfigure piane con il il perimetroUmfangperimetro uguale all’l’areaFlächearea: 4x4 e 3x6. Altri, invece, pensano che la sfortuna derivare daberuhen aufderivi dall’uso, presso gli antichi Romani, di scrivere VIXI (ho vissutoich lebteho vissuto) sulle la lapide di sepolturaGrabsteinlapidi delle sepolture. VIXI, secondo questa teoria, è l’anagramma di XVII, ovvero diciass… in numeri romani. E via fantasticarephantasierenfantasticando. Vero? Falso? Che importa! Nel il dubbioZweifeldubbio, persino alcune la compagnia aereaFluggesellschaftcompagnie aeree hanno pensato bene di eliminarestreicheneliminare, dai loro aerei, le la filaSitzreihefile con i numeri sfortunati come il 13 e il diciass… Chissà perché diventano tutti superstiziosi quando si vola. Insomma, come dicono da qualche parte in Toscana, “meglio aver paura che buscarnebesser Angst haben als Prügel bekommenmeglio aver paura che buscarne”.

    Neugierig auf mehr?

    Dieser Beitrag stammt aus der Zeitschrift Adesso 4/2018. Die gesamte Ausgabe können Sie in unserem Shop kaufen. Natürlich gibt es die Zeitschrift auch bequem und günstig im Abo.

    Werbung
    <
    >