Dolomiti: da lago a lago

    DIFFICILE
    ciclabile Auronzo-Misurina
    Von Ettore Pettinaroli

    Silenzio, verde e sicurezza, cos’altro può desiderare l’appassionato il/la ciclistaRadler, Radlerinciclista? A soddisfare questi il requisitoAnforderungrequisiti basterebbe una la ciclovia/ la (pista) ciclabileRadwegciclovia riservata, ben protetta e con un il fondoBodenfondo stradale privo di buche insidiosotückischinsidiose. Sarebbe già un sogno, per gli appassionati delle due ruote. Visto che però sognare non costa nulla, potremmo aggiungere alla nostra ciclovia ideale altre due caratteristiche: bellezza ed emozione. Chi ha detto che il sogno non può tradursi in realtà?

    Una ciclabile da sogno
     

    lago di Auronzo

    Inaugurata da appena due anni, la ciclabile Auronzo-Misurina, circondatoumgebencircondata dai superbogroßartig, stolzsuperbi panorami delle Dolomiti bellunesi, è già in testa alla lista dei desideri di ogni appassionato. La nuova superstrada per le biciclette è lunga 30 chilometri e risalirehochgehenrisale la solitarioeinsamsolitaria valle del il torrenteWildbachtorrente Ansiei, un’area quasi interamente ricoperta da fittodichtfitte la foresta di conifereNadelwaldforeste di conifere e punteggiato dadurchsetzt mitpunteggiata da rari villaggi e minuscoli l’insediamentoAnsiedlunginsediamenti rurali, nei quali il tempo sembra essersi fermato ad almeno un secolo fa. pedalareradelnPedalare in questi luoghi è un’emozione così grande da ripagarebelohnenripagare di ogni fatica. Il il grande turismoMassentourismusgrande turismo, qui, non è mai arrivato, anche se le Dolomiti dare spettacoloAufsehen erregendanno letteralmente dare spettacoloAufsehen erregenspettacolo, mostrando alcune delle immagini da cartolina più suggestivomalerischsuggestive, a cominciare da quelle delle le Tre Cime di LavaredoDrei ZinnenTre Cime di Lavaredo. È l’ineguagliabileunvergleichlichineguagliabile premio che spettarezustehenspetta a chi ha portare a terminezu Ende bringenportato a termine una “la scalataBesteigungscalata” che, benintesowohlgemerktbeninteso, può costare anche poca fatica, se si affrontareanpackenaffronta in la sellaSattelsella a una e-bike: un’opportunità resa possibile ai frequenti il punto di ricaricaAufladestellepunti di ricarica delle batterie, in alcuni casi allestitoausgerüstetallestiti proprio per supportareunterstützensupportare questa escursione.
     

    Auronzo e dintorni
     

    pista ciclabile lungo il lago di Misurina

    Prima di salire in bicicletta, però, valere la penadie Mühe lohnenvale la pena di dedicare qualche ora alla scoperta di Auronzo, affacciato sudirekt anaffacciata sulle la spondaUfersponde del lago di Santa Caterina, il vasto il bacinoBeckenbacino artificialekünstlichartificiale dalle acque tanto tranquille da essere abitualmenteregelmäßigabitualmente utilizzato per le la garaRennengare di canoa e, da atleti di livello internazionale, anche per gli l’allenamentoTrainingallenamenti. Il paese distendersisich erstreckensi distende sulla sponda sinistra del lago e racconta la sua lunga storia attraverso importanti edifici di culto, come la quattrocentescoaus dem 15. Jahrhundertquattrocentesca chiesetta dedicata a Santa Caterina di Alessandria, nei pressi della la digaDamm, Deichdiga, e l’imponente chiesa di Santa Giustina (XVIII secolo) con sette grandi altari e importanti cicli di l’affrescoFreskoaffreschi dell’Ottocento al suo interno. Alle spalle della chiesa, sul Monte Calvario, lo scavoAusgrabungscavi archeologici ancora in corsolaufendin corso hanno riportato alla luce addirittura un il santuarioWallfahrtsortsantuario romano del II secolo a.C. Al Museo Palazzo Corte Metto, una tipica la dimoraLandsitzdimora cadorinoaus/in Cadorecadorina, è possibile ripercorrereRevue passieren lassenripercorrere l’intera storia, naturale e umana, della zona, compresa l’immanefürchterlichimmane tragedia della prima guerra mondiale. Oggi le valli e le montagne del Cadore, che furono il teatrohier: Schauplatzteatro dello lo scontroAuseinandersetzungscontro tra italiani e austro-ungarici, sono vere oasi di pace e bellezza. Per convincersene basta prendere lala seggioviaSessellift seggiovia che sale al il rifugioBerghütterifugio Monte Agudo, uno straordinario balcone panoramico sulle Dolomiti cadorine. Dal Monte Agudo parte inoltre il il percorso di fun-bobSommerrodelbahnpercorso di fun-bob più lungo delle Alpi, che in 3 chilometri consente di tornare alla partenza della eggiovia con un adrenalinico carosello di curve e il tornanteKehretornanti da affrontare a oltre 40 chilometri all’ora.
     

    Erfahren Sie mehr über den Radweg Auronzo-Misurina in der Adesso-Ausgabe 08/2019!

    Neugierig auf mehr?

    Dann nutzen Sie die Möglichkeit und stellen Sie sich ihr optimales Abo ganz nach Ihren Wünschen zusammen.

    Werbung
    <
    >