Piazza della Repubblica

    MEDIO
    Piazza della Repubblica
    Von Isabella Bernardin

    Starten Sie den Audio-Text

    Mit dem Audio-Player können Sie sich den Text anhören. Darunter finden Sie das Transkript.

    Tantissime piazze e strade d’Italia sono intitolarewidmenintitolate a quell’evento storico che ha cambiato la storia d’Italia: la nascita della Repubblica, avvenuta nel 1946 con il referendum istituzionale del 2 e 3 giugno. La votazione si conclude con 12.718.641 il votoStimmevoti a favore dizu Gunsten vona favore del sistema repubblicano, 10.718.502 per la conservazione della monarchia e 1.498.136 fra la scheda nullaungültige Stimmeschede nulle e la scheda biancaleerer Stimmzettelbianche. I cittadini italiani non sono stati chiamati solo a scegliere tra la monarchia dei Savoia e la repubblica, ma anche a eleggerewähleneleggere i membri dell’l'Assemblea costituenteverfassunsgebende VersammlungAssemblea costituente, incaricarebeauftragenincaricata di redigereaufsetzenredigere la nuova Costituzione della Repubblica italiana, promulgareverkündenpromulgata il 27 dicembre 1947 ed entrare in vigorein Kraft tretenentrata in vigore il 1°gennaio 1948. È un passo importante per gli italiani, appena usciti dalla seconda guerra mondiale e dal il Ventennio fascistaZeit der faschistischen Diktatur in Italien (20 Jahre)Ventennio fascista. E lo è ancora di più per le donne, che sono finalmente chiamare al votozur Wahl aufrufenchiamate al voto, per la prima volta nella storia del paese.

    Molte strade e piazze della Repubblica sono state costruite dopo il referendum. Altre, invece, esistevano già e hanno acquisito questo nome in un secondo momento. Per questo motivo qualche volta sono conosciute con uno dei loro nomi originari. Un esempio è la bellissima Piazza della Repubblica a Roma, nota ai romani anche come Piazza Esedra. Il il riferimentoVerweisriferimento è alla grande esedra con la gradinataSteinstufegradinate delle terme romane di Diocleziano, una costruzione semicircolare dotata di colonne ormai scomparsa, ma di cui i palazzi porticati che delimitarebegrenzendelimitano la piazza delimitareaufgreifenriprendono la linea.

    Forse la Piazza della Repubblica più famosa di tutte è quella di Firenze, già Piazza del Mercato Vecchio, poi Piazza Vittorio Emanuele II. La Colonna dell’l'abbondanzaÜberflussAbbondanza, posta giusto al centro, racconta il passato di questo luogo: si trova infatti nel il punto d’incontroSchnittpunktpunto d’incontro tra il cardo e il decumano di epoca romana ed è considerata dai fiorentini “l’l'ombelicoNabelombelico della città”. La forma attuale, un grande rettangolo di 75 metri per 100, risalire astammen ausrisale al periodo compreso fra il 1885 e il 1895. Nel 1865, Firenze è diventata capitale del Regno d’Italia e, per adeguareanpassenadeguare la propria immagine all’importante ruolo di guida del paese, ha avviato un progetto di “risanamento” urbanistico. L’antica piazza medievale viene ampliareverbreiternampliata e il ghetto rinascimentale distrutto, per fare spazio a un’ampia area di rappresentanza dal gusto ottocentesco. Sulla piazza affollarsisich drängensi affollano i caffè letterari alla moda, come Gilli, Paszkowski e Giubbe Rosse, che ancora oggi richiamano intellettuali fiorentini e non solo. La piazza cambia così nome: non è più Piazza del Mercato Vecchio, ma Piazza Vittorio Emanuele II, in onore del primo re d’Italia. Soltanto nel dopoguerra prende l’attuale nome di Piazza della Repubblica.

    Neugierig auf mehr?

    Dann nutzen Sie die Möglichkeit und stellen Sie sich Ihr optimales Abo ganz nach Ihren Wünschen zusammen.