Dove sei, Europa?

    DIFFICILE
    Unione europea
    Von Salvatore Viola

    Starten Sie den Audio-Text

    Mit dem Audio-Player können Sie sich den Text anhören. Darunter finden Sie das Transkript.

    Ai tempi del Coronavirus si parla molto di Europa, ma l'Europa sembra poco presente. Ascoltiamo un testo su questo argomento di scottante attualità.

    “Dove sei, Europa? Cosa ti è successo, Europa umanistica, il paladino/la paladinaVerfechter/inpaladina dei diritti dell’uomo, della democrazia e della libertà? Che cosa ti è successo, Europa, terra di poeti, filosofi, artisti, musicisti, letterati? Che cosa ti è successo, Europa, madre di popoli e nazioni, madre di grandi uomini e donne che hanno saputo difendere e dare la vitadas Leben hingebendare la vita per la la dignitàWürdedignità dei loro fratelli?” Sono le domande rivolte da papa Francesco, vincitore del Karlspreis 2016, ai capi di stato e alle le alte caricheWürdenträgeralte cariche della Commissione europea riuniti in Vaticano per la cerimonia di la consegnaVerleihungconsegna del premio. Era il 6 maggio 2016, ma quelle stesse domande se le pongono ancora oggi i cittadini europei. Tutti: quelli che al sogno di un’Europa veramente unita non sanno e non vogliono rinunciareverzichtenrinunciare come quelli che, seppure non ostilefeindseligostili, hanno sempre nutrire dei dubbiZweifel hegennutrito molti nutrire dei dubbiZweifel hegendubbi sul progetto europeo.

    “Dove sei, Europa?” si chiedono i cittadini spaesatoverwirrtspaesati e impauritoverängstigtimpauriti che, oltre a preoccuparsisich Sorgen machenpreoccuparsi della propria salute, sentono dondolare minacciosobedrohlichminacciosa, sopra la propria testa, la spada di Damocle del futuro, a cominciare da quello economico. La crisi del Coronavirus sembra avere scoperchiareöffnenscoperchiato, a livello europeo, il proverbialesprichwörtlichproverbiale “vaso di Pandora” fatto di indecisione, dubbi, il vetoEinspruchveti ed egoismi. Certo, la situazione è difficile. si tratta dies geht darumSi tratta di evitare la catastrofe nei paesi – praticamente tutti – in cui la vita sociale ed economica è stata “congelareeinfrierencongelata” per mesi a causa dell’epidemia che sta flagellaregeißelnflagellando il mondo. Si parla di “crisi simmetrica”, perché, appunto, colpisce tutti. Serve, letteralmente, una montagna di denaro. E serve subito. Ma dove trovarlo? A chi e a quali la condizioneBedingungcondizioni concederegewährenconcederlo?

    di fronte aangesichtsDi fronte a una sfida epocale, che richiederebbe decisioni coraggiose, di la portataReichweiteportata storica, l’Europa fa quello che sa fare meglio: decide di non decidere. Si incontra, si riunisce, dichiara la necessità di essere solidali con le nazioni più colpite dall’epidemia e sostenerebefürwortensostiene al tempo stesso la necessità, per ogni singolo stato, di tutelarsi finanziariamente come può. Prima stabilirebestimmenstabilisce una cosa, poi il suo contrario e infine, nel dubbio, rimandareaufschiebenrimanda ogni decisione; organizza un il verticeGipfeltreffenvertice che poi viene sospenderevertagensospeso e infine si riunisce di nuovo, naturalmente in videoconferenza. Certo, il compito è difficile, anzi difficilissimo. Si tratta di riuscire nell’l'impresaUnterfangenimpresa di conciliarein Einklang bringenconciliare posizioni apparentemente inconciliabili. Da una parte c’è chi, come l’Italia e altri paesi del Sud Europa, chiede di creare un il salvagenteRettungsringsalvagente europeo attraverso l’emissione di l'obbligazione f.Anleiheobbligazioni europee, garantite per esempio dalla Bei (la Banca europea per gli investimenti), i cosiddetti Corona Bond. Dall’altra chi, a cominciare dall’Olanda, preferirebbe utilizzare strumenti come il Mes (il Meccanismo europeo di stabilità), noto anche come “Fondo salva stati”, che implicarevorsehenimplica una serie di il vincoloAuflagevincoli e condizioni ai quali i singoli paesi membri devono attenersisich haltenattenersi e che va a pesare sul debito pubblico dello stato che riceve i fondi. detto in soldonieinfach ausgedrücktDetta in soldoni, la partita si gioca fra chi invocareforderninvoca una solidarietà “senza se e senza maohne wenn und abersenza se e senza ma” e chi, invece, vorrebbe far dipendere questa solidarietà da una serie di condizioni. Il dibattito, al momento in cui scriviamo, è in corsoim Gangin corso, così come si discute sul presente e sul futuro dell’Unione europea, ammessoangenommenammesso che si trovi un l'accordoEinigungaccordo e ci sia un futuro di cui parlare.

     

    Einen ausführlichen Artikel zum Thema finden Sie in der Adesso-Ausgabe 07/20.

    Neugierig auf mehr?

    Dann nutzen Sie die Möglichkeit und stellen Sie sich Ihr optimales Abo ganz nach Ihren Wünschen zusammen.

    Der ADESSO Audio-Trainer

    zurück zur Startseite